La Fiera dell'Ascensione

634^ FIERA DELL'ASCENSIONE  -  DAL 5 AL 8 MAGGIO 2015

ORARI:

  • Giovedì       5 Maggio      dalle ore 18,00 alle ore 24,00
  • Venerdì       6 Maggio      dalle ore 10,00 alle ore 01,00
  • Sabato        7 Maggio      dalle ore 10,00 alle ore 01,00
  • Domenica  8 Maggio      dalle ore 10,00 alle ore 24,00

 

La città di Voghera, identificandosi nella capitale dell’Oltrepò Pavese, come da lunga tradizione, ogni anno organizza fieramente la propria festa patronale. Il nucleo centrale composto dagli stand e da un luna-park si trova all’interno dell’ex Caserma di Cavalleria, adibito per l’occasione a grande spazio espositivo, per poi estendersi a macchia d’olio per le vie limitrofe del centro con centinaia di bancarelle ed esibizioni di vario genere.

La Fiera dell’Ascensione di Voghera, giunta quest’anno alla sua 633° edizione, è la manifestazione più antica della Lombardia ed è riconosciuta come fiera regionale. Venne infatti ufficializzata nel 1382 e, nel corso dei secoli, sono state molte le novità che ne hanno caratterizzato il percorso storico e culturale.

Gli ultimi decenni del Medioevo, in un fiorire di rotte commerciali, vecchie e nuove, viaggi di pellegrini, percorsi di eserciti e soldati, vedono la nascita di una festa e di una celebrazione che è giunta fino a noi immutata nello spirito. Certamente, infatti, la fiera ai suoi albori rappresentava un momento importantissimo nell’arco dell’anno: si incontravano persone e stranieri, si scoprivano nuovi prodotti provenienti da luoghi lontani, si facevano affari, si pregava San Bovo (pellegrino e Santo patrono della città) e si seguivano le maestose processioni del ricco clero vogherese.

Grande peso, sicuramente, aveva la venerazione della Sacra Spina: la preziosa reliquia, secondo la tradizione donata dalla regina Teodolinda (più probabilmente arrivata a seguito dei cavalieri ospitalieri di ritorno dalle crociate), veniva esposta la domenica dell’Ascensione e, dal Settecento, calata dal tabernacolo in cui era riposta a 15 metri di altezza, con la nuvola, un complesso macchinario disegnato dal celebre pittore Paolo Borroni. Ancora oggi la Spina è conservata in un ricco reliquiario che fu donato da Gian Galeazzo Visconti.

Nei primi due decenni dell'Ottocento non troviamo altro, nei festeggiamenti dell’Ascensione, che illuminazione e funzioni religiose. La prima novità appare nel 1824, ed è l’esposizione di un elefante vivo nel cortile del Quartier Grande, che un girovago faceva ammirare per 25 centesimi.

Nel 1838, per iniziativa e sottoscrizione dei cittadini e concorso del Municipio, fanno la loro prima comparsa in programma i fuochi d’artificio, divertimento che non ha più abbandonato la Fiera dell’Ascensione e simbolo della cerimonia di chiusura.

Nel corso dell’Ottocento vengono in uso la corsa nei sacchi e nuovi giochi popolari. Appare la tombola col premio di due buoi, conservata in seguito con la sostituzione del premio in denaro; negli anni successivi i divertimenti variano e si moltiplicano modernizzandosi ma rimangono ancora ad attestare la semplicità antica i banchetti dei prodotti tipici, delle ciambelle, dei giocattoli e dei tradizionali lecca-lecca.

Naturalmente la “Sensia”, come viene chiamata nel dialetto locale, era giorno di inviti agli amici e parenti lontani. Il piatto ricercato del giorno era lo storione, che immancabilmente figurava nel mercato del mattino, o spesso si preparava il “bollito misto” accompagnato dal “bagnetto” (salsa verde a base di prezzemolo).

Nel giorno dell’Ascensione era uso tradizionale seminare negli orti le verdure di stagione. In principio del secolo passato alla sera dell’Ascensione, dopo lo spettacolo in teatro, si dava il via alle danze, che duravano tutta la notte. Nel periodo dal 1875 al 1878, durante il Sindacato di Carlo Gallini, nel salone del Municipio si teneva un ricevimento con rinfresco a spese del Sindaco. Quello stesso Sindaco che negli anni di politica cittadina si prodigò per il miglioramento dell’agricoltura nel vogherese offrendo gran parte del proprio patrimonio per la costruzione del “Pio Istituto Agrario Vogherese” con il duplice scopo di contribuire all’istruzione di ragazzi poveri e orfani e di avviare al progresso e all’innovazione agraria quella classe contadina ancora ancorata a tradizioni e superstizioni. A lui è stato intitolato l’Istituto tecnico agrario a Voghera.

Dalla seconda metà del Novecento in poi, anche la Fiera dell’Ascensione, pur mantenendo salde le radici alla sua secolare tradizione, ha saputo innovarsi. Oggi rappresenta un appuntamento importante e tradizionale sia per le imprese del territorio che per la gente di Voghera e di questa vasta terra fra Lombardia, Piemonte, Emilia e Liguria.

Nata come grande mercato del bestiame, ed in seguito divenuta principalmente fiera agricola, oggi rappresenta una delle fiere più moderne per gli operatori del settore. Un incontro fra domanda e offerta delle principali novità in campo agricolo, che attirano decine e decine di operatori.

In concomitanza con l’apertura di Expo 2015 che fonda nel tema dell’alimentazione la propria essenza, e in una visione di marketing territoriale, saranno ancora le nostre peculiarità territoriali e le nostre eccellenze enogastronomiche il fiore all’occhiello della manifestazione. La Fiera, da tre anni ormai dedicata all’Expo, parlerà della promozione e della valorizzazione delle tipicità locali della Valle Staffora (vini, salumi, formaggi) e localissime della città stessa (peperoni, mostarda, agnolotti) ma anche di specialità di altre regioni vicine e lontane, il tutto grazie alla vendita diretta dei prodotti e alle innumerevoli degustazioni.

La città di Voghera vanta di svariati prodotti che possono avvalorarsi del marchio di garanzia De.C.O. (Denominazione Comunale d’Origine) tra i quali troviamo la Mostarda di Voghera, il peperone e la cipolla, la Zuppa Vogherese (torta alle creme), lo Stracchino di Voghera (dolce semifreddo) e gli agnolotti di stufato.  Anche le valli circostanti, toccando le quattro Province di Pavia, Alessandria, Piacenza e Genova, offrono una grande varietà di prodotti e di alta qualità come il più conosciuto Salame D.o.p. di Varzi e i profumati vini dell’Oltrepò Pavese.

La Sensia significa storia, cultura territoriale e folklore. In Fiera si può ascoltare buona musica, conoscere i prodotti agroalimentari del territorio, fare acquisti nei negozi del “fuori Fiera” che organizzano iniziative e promozioni ad hoc.

Questa festa viene arricchita da un attento programma di eventi culturali e di svago, dalle mostre organizzate nel Castello Visconteo alle aperture dedicate del Museo Storico e di Scienze naturali (anch’essi locati all’interno della struttura dell’Ex Caserma di Cavalleria).

Infine, come in tutte le fiere che si rispettino, alla Sensia ci si rilassa, si fanno acquisti ma soprattutto si mangia, grazie anche ai punti di ristoro attivati proprio dalle imprese vogheresi e locali, che offrono ai visitatori le specialità che la nostra terra sa offrire.

 

PER INFO:

Ufficio Fiera
Comune di Voghera
P.zza Cesare Battisti, 5
27058 Voghera (PV)
Tel. 0383336342
Cell. 3481567742
E-Mail: fiera@comune.voghera.pv.it
VISITA IL NOSTRO SITO
www.fieradellascensione.it